Nei giorni scorsi il sito di viaggi Amoma.com ha improvvisamente cessato tutte le attività. Con un breve comunicato pubblicato sulla propria homepage, la società ha annunciato la probabile cancellazione delle prenotazioni effettuate e ha invitato i clienti a rivolgersi direttamente alle strutture recettive per verificare la disponibilità dell’alloggio e a contattare la propria compagnia di assicurazione per eventuali rimborsi. Per il momento non c’è traccia di una sentenza di fallimento. In attesa di sapere come si evolverà la vicenda e di capire quindi quali siano le eventuali azioni da intraprendere, riteniamo utile ribadire alcune indicazioni per gli utenti coinvolti:

  • Allo stato attuale delle cose, è consigliabile le indicazioni fornite dalla società, quindi contattare l’albergo per verificare se la prenotazione sia stata registrata e pagata e verificare con la banca o la società che ha emesso la carta di credito l’eventuale possibilità di usufruire di assicurazioni che prevedano una copertura in questi casi o se comunque sia possibile agire in altro modo.
  • Nel caso in cui la prenotazione includa anche un’assicurazione, esaminare nel dettaglio la polizza per capire se quest’ultima preveda una copertura anche per situazioni di questo tipo: in caso positivo, procedere all’apertura il sinistro nei termini e nelle forme indicate.
  • Qualora non sia possibile risolvere il problema tramite i canali indicati, inviare una raccomandata a/r ad Amoma.com, spiegando quanto accaduto (allegando se possibile prenotazione e convalida pagamento) e chiedendo il rimborso integrale della somma corrisposta. A tale proposito è necessario precisare che il sito della società è oscurato, quindi al momento non è possibile individuare con precisione la sede legale da contattare, poiché al sito Amoma.com si riferiscono due società: Amoma SARL (con sede a Quai Wilson 45, 1201, Ginevra, Svizzera) e Amoma Reservation (con sede legale in Place Weyler 7, 38008, Santa Cruz de Tenerife, Spagna). Nel dubbio, consigliamo trasmettere la comunicazione ad entrambi gli indirizzi
  • E’ altresì opportuno monitorare le notizie sull’argomento per verificare la pubblicazione di ulteriori indicazioni da parte della società, poiché, anche se molti organi di stampa parlano di fallimento, nel comunicato diffuso dall’azienda si parla in realtà di cessazione di attività e non sono disponibili altre notizie in proposito, pertanto ad oggi è possibile muoversi solo come sopra indicato.

Per ulteriori informazioni invitiamo i cittadini a contattare le sedi Federconsumatori ai recapiti consultabili sul sito www.federconsumatori.it e lo sportello SOS Turista, al numero 059.251108 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30.