image_pdfimage_print

La nota piattaforma di pagamento online Paypal introdurrà, dal prossimo 16 dicembre, una tariffa per i venditori di prodotti nei confronti dei quali i consumatori facciano una contestazione e un conseguente reclamo. Può capitare – ed effettivamente capita – che le merci acquistate non siano conformi a quanto pattuito, arrivino al cliente danneggiate, in ritardo oppure non arrivino affatto. Tutto questo genera insoddisfazione, nervosismo e sfiducia nell’ acquirente, il quale dovrà contestare e inoltrare un reclamo, rispedire il prodotto e, in definitiva, spendere tempo ed energie per rimediare a una situazione di disagio causata spesso dal venditore. Saranno previsti due tipi di tariffa: quella standard e quella per volumi elevati. Nel secondo caso, Paypal può anche prendere misure aggiuntive, come chiedere spiegazioni o mettere limiti o blocchi sul conto dei venditori. La tariffa che Paypal introdurrà si configura come una vera e propria “penale” e servirà come incentivo per i venditori affinché questi lavorino bene, con efficienza e correttezza nei confronti dei cittadini acquirenti.

https://ilsalvagente.it/2020/10/07/paypal-annuncia-tariffa-a-carico-del-venditore-in-caso-di-reclamo-del-consumatore/

“Paypal annuncia tariffa a carico del venditorein caso di reclamo del consumatore” – Redazione – 7 ottobre 2020.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web – finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito