Covid-19: mappe google con avvisi su traffico e norme

A breve Google Maps aggiungerà avvisi riguardanti le restrizioni agli spostamenti in modo da aiutare gli utenti a pianificare i propri spostamenti. Si avranno a disposizione anche informazioni riguardo obblighi governativi come quello di indossare la mascherina, oppure aggiornamenti riguardo eventuali adempimenti o controlli alle frontiere.  “A causa del Covid-19, è sempre più importante sapere quanto potrebbe essere affollata una stazione ferroviaria in un determinato momento o se l’autobus è in funzione con un orario limitato”, è ciò che scrive Google sul proprio blog.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




Possiamo cambiare le leggi di internet in europa

La Commissione Europea intende proporre in autunno una nuova normativa nota come Digital Services Act. Lo scopo è quello di aggiornare le leggi che regolano Internet e per fare ciò al meglio, viene data ai cittadini la possibilità di compilare un questionario con suggerimenti riguardo diversi argomenti. Attualmente le regole in vigore si rifanno alla Direttiva eCommerce del 2000, mentre nei prossimi anni l’Europa aggiornerà le leggi che regoleranno internet per i prossimi vent’anni. Si vogliono affrontare nuove problematiche come per esempio la questione dei rider e dei lavoratori della sharing economy. Sono autonomi o dipendenti? Quali sono i loro diritti? Cosa pensano utenti e business dei monopolisti che hanno in mano i servizi che tutti usano e possono decidere se un prodotto o un post viene visto oppure no? Sono molte le domande e questa è un’occasione unica per esprimere il proprio punto di vista. A breve tale questionario sarà disponibile anche in italiano, mentre il termine ultimo per l’invio della propria risposta è l’8 settembre 2020.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




I diritti del consumatore

Secondo un’ indagine della Commissione Europea la maggior parte delle piattaforme di vendita online omette informazioni fondamentali, come il diritto di recesso o la garanzia di due anni.

L’ e-commerce in Europa non è ancora trasparente, infatti molti siti non informano i consumatori  su quali siano i loro diritti, nella speranza  che non li rivendichino in caso di problemi. Il tipo di indagine si chiama “sweep” un blitz che ha riguardato una centinaia di siti riguardanti abbigliamento, arredamento e elettronica; i problemi più frequenti stilati secondo l’ indagine sono quattro: il primo ci informa che il 25% dei siti non informa il consumatore su come recedere da un contratto, il secondo ci mostra come il 20% dei siti e-commerce mostra il prezzo fuorviante poiché non contempla spese di spedizione, postali o di altro genere; il terzo punto riguarda la garanzia legale di due anni che è uno dei diritti base del consumatore europeo si tratta di un periodo dove si ha diritto alla riparazione, sostituzione o al rimborso in caso di difetto di fabbricazione in qualsiasi momento si scopre o si manifesta, mentre l’ ultimo punto ci fa notare come il 45% non inserisce il link alla piattaforma Odr, che consente di risolvere controversie online.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




Banca dati mondiale sul cibo contro le fake news

L’infrastruttura di ricerca Metrofood-ri (Infrastructure for promoting metrology in food and nutrition), coordinata dall’Enea, 2200 ricercatori hanno raccolto documenti, pubblicazioni ufficiali, raccomandazioni e buone pratiche al fine di creare una banca dati online di facile consultazione che mira a dare alle imprese e ai consumatori una corretta informazione sulla sicurezza alimentare, cercando di contrastare le fake news. Malgrado non ci siano prove scientifiche della trasmissione del virus tramite il consumo dei cibi, soprattutto in questo momento è importante dare una informazione accurata sulla salute alimentare e alla lotta allo spreco. Si tratta di una vera e propria sezione di approfondimento per analizzare i legami tra alimentazione e coronavirus suddivisa in due settori: ricerca ispezione e controllo , produzione e consumo.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




Facebook introduce Manage Activity

Nascondere o cancellare i vecchi post su Facebook sarà più semplice grazie a Manage Activity, una nuova sezione recentemente introdotta. Grazie a questa novità si può gestire da un unico luogo quello che si trova in bacheca, scegliendo di archiviare oppure cancellare le vecchie pubblicazioni. L’archiviazione consiste nel mettere da parte i post che si desidera siano visibili solo all’utente, mentre la cancellazione consiste nello spostare in un apposito cestino i post da eliminare, i quali verranno rimossi definitivamente dopo un periodo di 30 giorni. Inoltre, per facilitare la procedura si può agire in blocco in base ad un determinato periodo oppure in base alla presenza di una determinata persona nelle suddette pubblicazioni.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




Con Google Sodar mantieni la giusta distanza

Anche se il Lockdown è finito è bene mantenere comunque un comportamento di prevenzione. Uno tra questi, molto importante, è la distanza sociale. Google ha pensato bene di creare “Sodar” uno strumento digitale che ci aiuta a mantenere 2 metri di distanza dalle persone che si trovano intorno a noi. Questa funzionalità è disponibile solo per smartphone Android, attraverso il browser Chrome, accedendo all’indirizzo sodar.withgoogle.com. Per utilizzare Sodar bisogna inquadrarsi i piedi con la fotocamera posteriore dello smartphone, e successivamente sullo schermo apparirà una linea bianca la quale indicherà i due metri di distanza.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




Sovravvivere alle frodi

Negli ultimi tempi il rischio di essere vittime di frodi, sia per i consumatori che per le aziende, è progressivamente cresciuto ma, con alcuni accorgimenti si può evitare di cadere in trappola. La frode consiste principalmente in un qualsiasi tipo di falsa dichiarazione da cui qualcun altro può trarre beneficio. Generalmente il termine è associato a questioni finanziarie ma può riguardare anche questioni personali. La maggior concentrazione dei tentativi di frode si ha durante i periodi dei saldi e di intenso shopping online come ad esempio il periodo COVID19. Gli attaccanti agiscono approfittando degli acquirenti frettolosi e poco attenti che sono alla ricerca frenetica di buoni affari. Il principale obiettivo è il furto di informazioni finanziarie mediante la tecnica del “phishing” ma, anche il furto di dati personali per poi rivenderli è redditizio per gli attaccanti.  Sconti esagerati, l’imitazione di siti web popolari, strane forme di pagamento, false politiche di reso, mancanza di informazioni riguardo alla policy del sito, sono tutti indicatori di frodi in agguato. Di seguito un elenco di comportamenti da adottare per essere al sicuro:

  • evitare reti WI-FI pubbliche e gratuite;
  • evitare di utilizzare stazioni di ricarica USB pubbliche in quanto potrebbero contenere malware;
  • fare le opportune verifiche prima di acquistare online;
  • controllare nell’informativa della privacy che il sito non inoltri a terze parti i dati relativi al metodo di pagamento;
  • evitare di aprire mail o messaggi di dubbia provenienza.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




L’e-Commerce post-covid

In questi mesi di confinamento tanti italiani si sono avvicinati agli acquisti online e le imprese hanno riadattato il proprio modello, garantendo continuità alle proprie attività.

Secondo le stime di Netcomm in un solo mese, dall’inizio della crisi sanitaria, si è registrato un salto evolutivo verso il digitale di 10 anni: le abitudini di acquisto e i comportamenti dei consumatori italiani si sono spostati a favore dell’eCommerce.

Molti consumatori hanno fatto acquisti on line per sopperire alle proprie esigenze e anche dopo le riaperture dei negozi questo trend non si è modificato.

In questa situazione l’intero ecosistema del digitale ha adottato misure a tutela di tutti i consumatori mettendo innanzitutto gli acquirenti nelle condizioni di poter acquistare e pagare in totale trasparenza e sicurezza.

Sono cambiate soprattutto le modalità di spedizione e di consegna. È cresciuto notevolmente il click&collect, ovvero la possibilità di ordinare online un prodotto e di ritirarlo in negozio da parte del cliente perché consente una gran flessibilità, adattamento alle esigenze di mobilità e, soprattutto, distanziamento sociale. Un altro modello che ha preso piede in Italia, poi, è il proximity commerce, che permette l’integrazione tra i grandi player del commercio elettronico e i piccoli negozianti, i quali, grazie alla logistica e alle piattaforme di delivery, possono raggiungere i clienti residenti nelle zone limitrofe. Si tratta di un servizio che ha finalmente raggiunto cittadini e piccoli centri abitati che fino a poche settimane fa non avrebbero immaginato di poterne beneficiare.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




Dispositivo genera elettricità sfruttando le ombre

Un nuovo dispositivo che è in grado di creare elettricità sfruttando ombre, è stato creato dai ricercatori dell’ università di Singapore; il dispositivo è stato denominato come GENERATORE DI ENERGIA AD EFFETTO OMBRA. Riesce a sfruttare il contrasto tra le aree illuminate e quelle illuminate di meno perché ombreggiate per generare piccole quantità di elettricità.

Si tratta di un’ idea nuova che potrebbe aprire la strada a nuovi dispositivi in grado di alimentare piccoli dispositivi elettronici.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




App per evitare file e non perdere tempo

Dall’inizio del lockdown dovuto al coronavirus, davanti a supermercati, negozi e uffici rimasti aperti si sono creati problemi per la gestione delle code, e il fenomeno si è intensificato nella Fase 2 a causa delle normative sulla gestione degli ingressi. In questa fase tutti i rivenditori si sono attrezzati per gestire le code che inevitabilmente si creeranno davanti ai negozi. Per i consumatori in questi mesi sono nate molte applicazioni e soluzioni innovative per affrontare il problema e garantire sicurezza o per cercare di gestirlo con maggiore efficienza. Molti ipermercati hanno acquistato  delle app che gestiscono l’affluenza dei consumatori che hanno la possibilità di “mettersi in fila stando a casa”, creano delle code virtuali e avvisano il cliente quando si avvicina il momento dell’ingresso. In questo modo si evitano le lunghe attese e i rischi di assembramento. Queste app potrebbero facilitare e agevolare gli accessi anche successivamente nei periodi di maggiore affluenza dei consumatori ai negozi (es: periodi di saldi) o per accedere ad uffici normalmente molto frequentati.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito