PSD2: le novità dei pagamenti on line

Rafforzare ulteriormente il processo di autenticazione e i fattori di sicurezza indispensabili per accedere al conto corrente e disporre transazioni online è l’obiettivo che si pone la PSD2, la seconda direttiva europea sui servizi di pagamenti introdotto in Italia dal 14 settembre scorso.

Le novità introdotte dalla direttiva europea sono spiegate in una guida realizzata da ABI con 17 associazioni dei consumatori.

Le principali novità riguardano l’autenticazione forte e come cambiano i pagamenti on line.

Con la PSD2 per accedere al proprio conto online o disporre un pagamento con bonifico o carta, viene introdotto un sistema di autenticazione forte. Il titolare del conto deve utilizzare almeno due tra i seguenti tre fattori di sicurezza:

  • CONOSCENZA – qualcosa che solo l’utente conosce, ad esempio la password o il Pin;
  • POSSESSO – qualcosa che solo l’utente possiede, ad esempio uno smartphone o una chiavetta/token;
  • INERENZA qualcosa che contraddistingue l’utente, ad esempio la sua impronta digitale o altri dati biometrici.

Per i pagamenti online, disposti via internet o mobile, a questi fattori si aggiunge anche un ulteriore elemento, ossia un codice unico che ad ogni operazione collega il relativo importo e il beneficiario. Ogni banca fornisce alla propria clientela indicazioni su quali fattori di sicurezza utilizzare.

Solo i pagamenti di piccolo importo, quelli ricorrenti o destinati a beneficiari di fiducia indicati dall’utente non rientrano nelle nuove regole della PSD2. Per questi, infatti, è sufficiente l’utilizzo di un solo fattore di sicurezza.

La PSD2 regolamenta nuovi servizi di pagamento, utili a chi opera e acquista tramite internet. I titolari dei conti online, infatti, possono dare a banche o istituti di pagamento, il consenso ad accedere al proprio conto tramite canali dedicati, per acquisire informazioni su saldo, movimenti e rendiconti, per gestire alcuni servizi per conto dei titolari.

Infine un’ulteriore novità introdotta dalla PSD2 è il rimborso dei pagamenti non autorizzati, fatti ad esempio con strumenti smarriti o rubati, entro il giorno lavorativo successivo alla notifica del cliente. Questo vale anche nel caso in cui l’operazione sia eseguita tramite un istituto diverso dal proprio.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




Primo incontro con gli studenti dell’Istituto IISS Bojano di Vinchiaturo

Si è svolto questa mattina il primo incontro con gli studenti dell’Istituto IISS Bojano – sede IPSEOA di Vinchiaturo in provincia di Campobasso. Circa 100 studenti sono stati informati sul tema delle fake news e su come imparare ad usare internet e i social network in maniera consapevole. Alla fine della lezione i ragazzi hanno svolto un gioco on line per valutare il grado di apprendimento.

Quando si parla di fake news si pensa alle semplici “bufale” ossia notizie inventate per gli scopi più vari, con l’obiettivo di diventare virali ed essere difficilmente smentite.

Nella maggior parte dei casi si sottovaluta la complessità del fenomeno.

Il rischio è quello di una semplificazione eccessiva mentre sotto questa definizione oggi ricadono indifferentemente notizie non verificate e provenienti da fonti incerte, news chiaramente false e fabbricate ad arte, satira, mock journalism sul modello di Lercio, errori giornalistici, pezzi pensati solo per vincere la guerra del click-baiting…. Proprio per questi motivi abbiamo provato di fare un po’ di chiarezza insieme agli studenti.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




Via alla campagna informativa di e-RA Digitale per gli studenti degli Istituti Superiori

Via alla campagna informativa per gli studenti degli istituti superiori di primo e secondo grado sull’uso consapevole di internet. Con il progetto e-RA Digitale incontreremo gli studenti di 85 istituti su tutto il territorio nazionale per far comprendere loro cosa si intende quando si parla di fake news, come riconoscerle e come difendersi.

I primi incontri si terranno il 3 e 5 dicembre a Campobasso  presso  IISS Bojano – sede IPSEOA di Vinchiaturo e a Siracusa il 4 dicembre con gli studenti del Liceo Scientifico Orso Mario Corbino e il 5 dicembre con circa 100 studenti dell’Istituto Tecnico Superiore Alessandro Rizza.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




Nuove regole di marketing per influencer e brand di abbigliamento

La diffusione dei social network ha portato ad una crescente popolarità di quelli che vengono definiti “influencer”, quindi quei personaggi che con i propri post sono in grado di orientare, in misura più o meno ampia, le scelte commerciali e di consumo degli utenti.

Ovviamente si tratta di soggetti che lavorano spesso in accordo con aziende e marchi, pubblicizzando prodotti di ogni tipo. Sul tema, sempre più attuale, è intervenuta tempo fa l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, che ha stabilito l’obbligo di rendere chiaramente riconoscibili i post realizzati a scopo pubblicitario tramite specifica didascalia o hashtag (ad esempio #adv, cioè “advertising”).

Ora anche la Camera Nazionale della Moda Italiana (Cnmi) ha pubblicato alcune linee guida non vincolanti destinate a brand e influencer, invitando le aziende a redigere norme comportamentali e a stipulare un contratto con influencer in cui si richiamino queste stesse indicazioni.

La Cnmi ritiene inoltre che il ricorso ad alcuni hashtag possa rivelarsi fuorviante, quindi propone alle Autorità competenti in materia di prendere nuovamente in esame la questione, in particolare regolamentando l’invio di regali o l’uso delle merci in prestito e l’utilizzo degli hashtag #ad #adv e #sponsored nonché la partecipazione degli influencer agli eventi.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




WhatsApp, aggiornamento per bloccare inserimento automatico nei gruppi indesiderati

Nell’App di messaggistica istantanea WhatsApp, grazie ad un nuovo aggiornamento, è stata implementata la possibilità di bloccare l’aggiunta in automatico del nostro contatto nei gruppi. In questo modo si eviteranno spam o gruppi indesiderati, garantendo un maggior controllo della propria privacy.

Per procedere con l’attivazione del blocco, sia nel caso utilizziate il sistema operativo iOS, sia che utilizziate Android, è necessario entrare nelle impostazioni dell’app, nella sezione privacy e si può scegliere se bloccare la possibilità di essere aggiunti nei gruppi da parte di tutti, o se preferibile bloccare solamente i contatti salvati in rubrica, oppure ancora più nello specifico, bloccare solo singoli numeri particolarmente molesti.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




Apple Pay sotto esame da parte della commissione Antitrust europea

A seguito di numerose segnalazioni arrivate al Commissario europeo per la Concorrenza Margrethe Vestager, il sistema di pagamenti di Apple diventa osservato speciale da parte della suddetta commissione.

Queste le dichiarazione di M. Vestager durante il Web Summit tenutosi a Lisbona ‘‘Abbiamo ricevuto molte segnalazioni, le persone si stanno rendendo conto che diventa sempre più ostico competere nel mercato dei pagamenti digitali facili’’.

Ad oggi il servizio di pagamenti Apple è presente in 20 paesi europei, 50 a livello mondiale, Italia compresa.

Si indaga se la società di Cupertino abbia o meno ostacolato l’accesso ai servizi di pagamento delle aziende rivali, facendo in modo che sui cellulari Apple iPhone venga selezionato automaticamente Apple Pay come metodo di pagamento.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




DVB T2: in arrivo il decreto per ampliare il bonus per decoder e smart TV

Nei prossimi mesi è previsto l’avvio della transizione ad una nuova tecnologia per le trasmissioni televisive: si passerà dall’attuale digitale terrestre alla tecnologia DVBT2, che dovrebbe assicurare migliori prestazioni in termini di ricezione e velocità.

Per molte famiglie il passaggio implicherà la necessità di acquistare un decoder o una smart TV che consentano di ricevere il segnale, quindi tra pochi giorni verrà pubblicato in Gazzetta Ufficiale un decreto interministeriale del Ministero dello Sviluppo economico e del Ministero dell’Economia per ampliare la fascia di reddito per la quale è prevista l’erogazione di un bonus destinato appunto all’acquisto dei dispositivi compatibili con la nuova tecnologia dal 2019 al 2021.

La normativa attuale prevede un bonus di 50 euro di cui possono usufruire i cittadini con reddito inferiore ai 21.265,87 euro.

Dal 1 gennaio 2017 è scattato l’obbligo per tutti i rivenditori di commercializzare esclusivamente apparecchi con il nuovo decoder integrato, pertanto I televisori acquistati a partire da questa data non hanno bisogno di alcun adeguamento. Per tutti gli altri apparecchi deve invece essere verificata la compatibilità con la tecnologia DVBT2.

Nel 2020 verrà avviata la prima fase di transizione: gli utenti avranno due anni di tempo per adeguarsi al nuovo sistema, che entrerà definitivamente in vigore nel 2022.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




“Phishing” Consigli utili per ridurre i rischi di subire un furto di dati online

Il phishing non viaggia solo via mail ma anche sui social network. Consigli utili per ridurre i rischi di subire un furto di dati online.

Da recenti studi e ricerche emerge che il phishing, cioè il noto meccanismo-truffa con cui gli utenti vengono indotti a fornire informazioni e dati personali e/o finanziari nonché password e credenziali di accesso, non viene messo in atto soltanto via mail nei confronti di singoli utenti, come molti pensano, ma colpisce anche attraverso i social media e coinvolge molte grandi aziende. Nomi “illustri” come Microsoft, PayPal, Dhl e Dropbox sono stati oggetto di frodi finalizzate ad ottenere dati e informazioni su bilanci e buste paga.

Nel caso di comunicazioni via mail è consigliabile, al fine di ridurre il rischio di incappare in una frode, controllare con cura il mittente (poiché spesso i truffatori inviano comunicazioni spacciandosi per istituti bancari, enti pubblici o assicurazioni) e il contenuto del messaggio (quasi sempre nel testo delle mail truffa sono presenti errori e refusi) e cambiare spesso le password.

Inoltre navigando su internet è bene verificare la sicurezza dei siti a cui si accede, controllando la presenza il protocollo di sicurezza (riconoscibile dalla presenza della sigla HTTPS prima dell’indirizzo del sito stesso), che appunto consente di navigare in maniera sicura e senza rischio di furti di dati. Infine è opportuno installare sul computer i programmi antivirus e antimalware.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




Reskilling e upskilling per le nuove forme di lavoro nell’era digitale

Secondo il rapporto “The skilling challenge” curato da Ashoka e McKinsey & Company, nei prossimi 10 o 20 anni, il 65% delle attività attualmente svolte dalle persone sarà automatizzato, molte professioni diventeranno obsolete ma molte ne nasceranno, almeno il 21% in più.

Sarà fondamentale adeguare le competenze alle nuove tecnologie, formare i dipendenti per avere ‘nuovi’ lavoratori qualificati. Ecco che si parla di “upskilling” ossia tutte quelle attività formative tese a far crescere le competenze dei singoli dipendenti nel loro medesimo ruolo e di “reskilling”, la formazione per consentire di apprendere nuove competenze necessarie per occuparsi di nuove attività.

Anche i professionisti italiani vogliono adeguarsi, migliorando le proprie competenze o apprendendone di nuove per trovare possibilità di impiego.

La ricerca “Decoding Global Trends in Upskilling and Reskilling” condotta da Boston Consulting Group e l’agenzia di recruitment online The Network  evidenzia come L’Italia, con il 62% di lavoratori che si dedicano all’upskilling, si colloca nella parte medio-alta della classifica. E addirittura il 70% si dice aperto ad un reskilling per riqualificare le proprie competenze in vista di nuove opportunità di impiego.

I canali preferiti per la formazione sono i programmi di autoapprendimento (usati dal 63% dei lavoratori) e il learning on the job (61%), mentre sono meno gettonati conferenze/seminari (36%), le istituzioni formative tradizionali (34%) o online (30%), le applicazioni mobile (24%) e i programmi governativi (7%).

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito




NUGO: l’App che permette di acquistare in pochi passaggi tutti i biglietti del tuo viaggio

Nel giugno del 2018 è stata lanciata da FS NUGO, una piattaforma di servizio che consente la pianificazione, l’informazione e la vendita su canali digitali di soluzioni di viaggio multimodali con un’unica transazione.

L’applicazione propone soluzioni di viaggio che comprendono il trasporto pubblico locale (metropolitane e linee di superficie), treni, traghetti, taxi, car e bike sharing. Permette, inoltre, di acquistare tour turistici e servizi di autonoleggio e di prenotare il parcheggio nelle aree di sosta delle stazioni ferroviarie.

Per organizzare un viaggio non è più necessario utilizzare molteplici app, siti di diverse compagnie di trasporto e autorizzare diversi pagamenti, ma è possibile farlo con un solo strumento.

Con Nugo, i consumatori selezionando partenza e arrivo, hanno la possibilità di unire diversi segmenti del percorso e scegliere fra tutte le soluzioni quella in linea con le proprie esigenze.

L’App è disponibile anche in  Francese, Inglese, Spagnolo e Tedesco.

I PARTNER DEL PROGETTO

Sito web realizzato nell’ambito del progetto e-RA Digitale: il consumatore incontra il web - finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018). Le attività di assistenza, consulenza, formazione ed informazione promosse nell’ambito della realizzazione del progetto e-RA DIGITALE sono rese a titolo gratuito